Portualità    
   
di Gianni Darai  
  08-03-2004
“A VENEZIA IN BARCA”

La Serenissima curava particolarmente la sua immagine per dare sfoggio e per colpire con la sua potenza e con la sua magnificenza i visitatori ed i suoi nemici.
L’arrivo in città nei tempi antichi avveniva principalmente dal mare e, per questa ragione, il Bacino di San Marco, entrando dal porto di Lido, si presentava con una coreografia opulenta di monumenti: il palazzo Ducale, la Basilica d’oro, la Zecca, la punta della Dogana con la Salute, l’isola di San Giorgio, la Giudecca con le Zitelle ed il Redentore, indubbiamente quanto di piu’ spettacolare e sorprendente si potesse immaginare.
Il porto di Lido era e resta quindi l’ingresso principale alla città d’acqua ed è anche il porto che, per la sua ampiezza e la sua profondità, è quello che ne permette l’accesso “ogni tempo”, l’unico oltre a Trieste, nell’Alto Adriatico, con queste caratteristiche.
Appena entrati tra i due fari, a dritta la pagoda bianca-nera ed a sinistra la torre bianca-rossa, si consiglia di seguire attentamente la segnaletica navale, tenendosi verso il lato sinistro per non incocciare nel basso fondale: il “Bacan” che si trova al centro, verso l’isola di S.Andrea e di Sant’Erasmo e dove stà sorgendo l'isola nuova del MoSE.
Dopo essere transitati davanti all’isola di Lido, a dritta, all’altezza di Sant’Elena, si trova la darsena del Diporto Velico Veneziano (tel.041/5231927), mentre di fornte, nell'isola della Certosa, recentemente è sorta l'organizzazione con darsena "Polo Nautico Vento di Venezia" (tel.041/5208588).
Piu’ avanti, restando nel canale principale, si deve poggiare a dritta arrivando quindi nello splendido Bacino di San Marco. Qui, a sinistra, si trova l’isola di San Giorgio dove ha sede il porticciolo della Compagnia della Vela (tel.041/5222593).

  1. Queste due società, il D.V.V. e la C.d.V. sono le due principali organizzazioni sportive a Venezia che hanno la gestione di due spazi acquei per il ricovero a mare delle imbarcazioni dei loro soci e  a cui ci si puo’ rivolgere per avere un ormeggio saltuario per la propria barca a vela, mentre dietro l'isola della Giudecca ha sede il C.C.M.V. (Consorzio Cantieristica Minore Veneziana).
    Al Lido, nei pressi di Malamocco, troviamo gli ormeggi della Lega Navale Italiana ( tel.041/770395), mentre a Cavallino-Punta Sabbioni, in località Lio Grando, vi è una piccola marina La Marina di Lio Grando (tel.041/966044).
    Più avanti, all'altezza della vecchia dogana di Treporti, dove inizia il canale per Burano, è sorta Marina Fiorita (tel. 041/5201478)
    In tutti i casi attenzione ai bassi fondali.
    Numerose poi sono le piccole realtà sparse quà e là sul territorio ma tutte a malapena riescono a soddisfare l'utenza locale.

    FARE ATTENZIONE:
    In Laguna il navigare solo a vela non è consentito. Si dovrà pertanto sempre tenere il motore in funzione e nei canali cosiddetti marittimi è peraltro proibito il bordeggio, questo logicamente per non intralciare la navigazione altrui.

    Purtroppo a Venezia, caso unico per una città di mare, non esistono organizzazioni atte ad ospitare le unità dei diportisti di passaggio e si deve quindi sperare nella momentanea disponibilità in una di queste suddette associazioni. Si consiglia quindi di contattarle per tempo al fine di assicurarsi l’ormeggio, altrimenti sarà meglio rivolgersi alle più lontane attrezzate marine che esistono a Cavallino, a Chioggia o a Jesolo.
    L’ASSONAUTICA, con il suo studio commissionato all’IUAV e con il progetto per un porticciolo galleggiante nella zona di San Nicolò di Lido, è l’unica che attualmente sta cercando di superare questo impasse, questa illogica situazione.


  2. Per il momento quindi, chi entrasse a Venezia con una unità a motore se grande (parliamo almeno di 14/18 metri), potrà rivolgersi alla Autorità Portuale (tel.041/5334277) che li autorizzerà, se disponibili, ad utilizzare i “bricoloni” in zona punta della Salute o sulla banchina della riva di S.Biagio a Castello, altrimenti per la riva dei Sette Martiri ci si dovrà rivolgere alla V.T.P. (Venezia Terminal Passeggeri) allo 041/2403000, aree splendide per panoramicità ma purtroppo funestate dal costante, incessante moto ondoso.
    Se piu’ piccole potranno optare per cantieri e rimessaggi situati prevalentemente sulla gronda lagunare e quindi raggiungibili previo attraversamento di tutta la Laguna. A Fusina l’omonima Darsena Fusina (tel.041/5770055) ed il Cantiere Dalla Pietà (tel.041/698244), oppure risalendo il canal Salso lo Scafoclub (tel.041/5310625) o la darsena DEC (tel.041/5310161).
    Altre soluzioni si possono adottare appoggiandosi, come già detto, alle attrezzate marine limitrofe che esistono a Cavallino, Chioggia o a Jesolo.
    In queste organizzazioni è anche possibile varare le proprie imbarcazioni provenendo dalla terraferma con mezzi carrellabili mentre, per quanto riguarda scali pubblici per la nautica minore, attualmente siamo a conoscenza di 14 scivoli di competenza del Magistrato alle Acque dei quali solo 10 ci risultano operativi a tuttoggi.
    Tre sulla Romea (canale Caivazza ,canale di Lova e canale del Cornio), quattro a Chioggia (due sul Lusenzo, uno sul canale Fossetta e uno a punta Poli), uno a Brondolo alla vecchia conca, uno a Treporti sul canale di Saccagnana e uno a Cavallino paese prima del canale Casson.
    A Tessera, sul canale Osellino in località punta Lunga, ve ne è uno in gestione privata mentre quello di S.Giuliano a Mestre è chiuso per inagibilità.
    Vedi la mappa degli scivoli

    FARE ATTENZIONE:
    1. Per tutte le unità a motore prive di targa di riconoscimento (non immatricolate) con potenza superiore ai 10 cavalli attualmente, entrando in Laguna, vige l’obbligo di dotarsi di un Contrassegno Provvisorio (LV………P) da ritirarsi, revio pagamento di 30 + 10 €uro (dove i 30 € sono la cauzione che viene resa al momento della riconsegna delle due targhe in plastica) presso gli uffici APT della zona (vedi elenco in calce).
    2. Nel Canal Grande a Venezia e nei suoi rii (cosi’ si chiamano i canali interni alla città) è vietata la navigazione ai non residenti e pertanto, nel caso vi si volesse inoltrare lo stesso, ciò è possibile richiedendo agli uffici del Comune un apposito permesso che difficilmente è concesso.
    3. La velocità da tenere nei canali di accesso (quelli marittimi e portuali) è per un max di 20 Km/h ma, attenzione alla segnaletica posta sulle dame, sulle bricole o sulle rive, essa può variare dai 14 agli 11 ai 7 ai 5. Importante comunque è cercare di avanzare producendo il minor moto ondoso possibile e quindi si deve adeguare la propria velocità di conseguenza, rispettando i limiti.

    4. I canali in Laguna per la maggior parte sono segnalati dalla presenza delle bricole (pali piantati sul fondale), per essere certi di essere “in canale”, ce ne se può accertare in quanto sul lato giusto (quando la fila dei pali è una sola) è sempre stampigliato un numero progressivo e vi sono posti dei catarifrangenti. Passando da un canale ad un altro fare attenzione dove è posto il “punteruolo”, palo piu’ alto degli altri, che ne segnala l’ingresso ed il lato giusto.

Elenco A.P.T Località Telefono
Aerostazione Marco Polo Tessera - Venezia 041/55415887
Rotonda Villabona Marghera “ 041/937764
Garage Comunale P.le Roma “ 041/5298711
Venice Pavillon S.Marco “ 041/5298730
Stazione FFSS S.Lucia “ 041/5298727
Ufficio APT Castello Castello 4421 “ 041/5298711
Ufficio APT Lido Gran Viale 6/a 041/5265721
Cavallino Via Fausta 406/a 041/968071
Chioggia Museo Civico 1 041/5500911
Sottomarina L.Mare 101 041/5540855
Sottomarina Kursaal 52 041/4969640
Eraclea Mare Via Marinella 54 0421/66134
Mira Villa W.Foscari 041/424973
Dolo A.Servizio Arino 041/413995
Jesolo P.za Brescia 13 0421/370601
Bibione V.Aurora 109 0431/442111
Bibione Via Maya 37 0431/442111
Pineda V.dei Ginepri 222 0431/442111
Caorle C. Liburniche 29 0421/81860
P.to S.Margherita C. Genova 21 0421/260230
Duna Verde P.za Spalato 2 0421/299275
Portogruaro Via M.Libertà 19 0421/73558

 


Home  

   
 
Assonautica Provinciale Venezia Via XXII Marzo, San Marco 2032 30124 Venezia tel/fax 041 5210274
Chioggia Sede di Venezia Cavallino-Jesolo-Eraclea Caorle Bibione