Assonautica    
   
Diario di Bordo: 5 – 15 maggio 2005 (di Gianni Darai)  
  15-06-2005
CHIOGGIA – VENEZIA……….Km. 50

Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Domenica 15 maggio: un bel sole con un po’ di foschia ci accompagna nell’ultima fatica.
Ormai sentiamo il profumo di casa e siamo tutti un po’ gasati.
Passiamo la grande conca di Brondolo ed entriamo nella nostra Laguna.

Ecco a dritta il porto di Val da Rio e poi Chioggia con le sue vecchie attrezzature, attraversiamo la bocca di porto, poi l’isola di Pellestrina è anch’essa alla nostra destra. Ecco Caroman, poi il centro abitato con le sue case colorate, con le chiese e i pescherecci.

Alla nostra sinistra casoni da pesca, palificazioni per la miticoltura e barche da pesca.
A San Pietro in Volta, sulla riva, un gruppo di amici abitanti in loco, ci chiama, ci aspettava, sul muretto di contenimento per l’acqua alta hanno preparato una tavola imbandita con soppressa, polenta, formaggio, affettati, pesce fritto.
Ci fermiamo, sia per far festa che per far passare il tempo.

A Venezia infatti è in corso di svolgimento la famosa “Vogalonga” e non vogliamo arrivare troppo presto. Nel frattempo arriva anche il vicepresidente della Canottieri Querini Dott.. Sesani e, mentre aspettiamo, transita nel canale un barcone gran turismo ad una velocità che solleva un maremoto e, con un malcelato piacere, vediamo rapidamente intervenire il gommone della G.d.F. che, a sirena spiegata, lo abborda, lo ferma e lo sanziona.

Verso mezzogiorno riprendiamo e passiamo il porto degli Alberoni dove troviamo una barca del CODACONS col suo presidente e, a bandiere al vento, ci scorta a sua volta sino al Bacino di San Marco. Qui a lento moto ci avviciniamo alla punta della Salute fino al pontone d’arrivo della Vogalonga.

Per colmo di ironia, neanche a farlo apposta, incontriamo una grossa canoa svizzera che, saputa la nostra provenienza da Locarno, ci festeggia a gran voce.
Riprendiamo dopo una breve sosta il moto e ci dirigiamo verso la Riva degli Schiavoni dove, presso la caserma Cornoldi, è stato posto il nostro ideale punto d’arrivo e dove consegneremo le barche che ci hanno consentito questo incredibile exploit agli incaricati della ditta Gibellato.

In caserma, dopo un brindisi con tutti gli amici che ci hanno aspettato e ricevuto all’arrivo, abbracci e commoventi saluti tra tutti gli equipaggi che hanno condiviso questa avventura con un affiatamento ed una passione che ha superato ogni previsione e che porteranno nel cuore, oltrechè nella mente, questa straordinaria esperienza umana.
 


Home  

   
 
Assonautica Provinciale Venezia Isola Nuova del Tronchetto, 14 30135 Venezia Telefono: 041786 308/309
Chioggia Sede di Venezia Cavallino-Jesolo-Eraclea Caorle Bibione