Assonautica    
   
Diario di Bordo: 21 aprile – 4 maggio 2007 (di Gianni Darai)  
  11-06-2007
24/04 Castelletto S.Ticino - Turbigo - Cassinetta di Lugagnano Km.25

Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine

Martedì 24 aprile: Castelletto S.Ticino - Turbigo - Cassinetta di Lugagnano Km.25

Caricati i sei mezzi sui carrelli ci si trasferisce per evitare le ormai bloccate conche della centrale idroelettrica della Vizzola, si passa Porto della Torre, poi Pamperduto e la lunga carovana, scortata ed agevolata dal mezzo della Guardia di Finanza, arriva a Tornavento, che scopriamo essere stata località di una antica dogana austroungarica, dove si procede a varare gli scafi nel Canale Industriale abbastanza ricco di acque e di veloce corrente.

 

Qualche problema con la gru idraulica del camion di Giampaolo Montavoci (il patron della manifestazione nonché il presidente dell’A.M.V.) in quanto un pistoncino non ne vuol sapere di tenere la pressione.

 

Ma la buona volontà di tutti i partecipanti e gli urlacci di Giampaolo che ci vuole “croccanti” ottengono il risultato.

 

Il canale è completamente cementato e si naviga ad altezza del piano campagna, mentre lo sguardo si perde nei vasti campi circostanti.

 

Passiamo lateralmente ad una cascata d’acqua non proprio trasparente ed i ciclisti, che pedalano lungo l’alzaia che si snoda al nostro fianco, si affrettano a dirci che si tratta dello scarico di un grande depuratore e che ogni tanto quello che ne esce ha un puzzo insopportabile.

 

Arriviamo così a Turbigo dove, dopo aver nuovamente alato le imbarcazioni mediante uno scivolo per bypassare le grandi conche, anche queste bloccate, della centrale idroelettrica, veniamo ricevuti e, dopo una bicchierata collettiva, abbondantemente rifocillati presso la villa comunale De Cristoforis-Gray.

 

Finito il pranzo rivariamo le barche dopo lo sbarramento, qui la corrente è ancora più forte, si entra nel Naviglio Grande e, assieme all’assessore locale ed al sindaco imbarchiamo diversi curiosi che così possono gustarsi un pezzo di percorso con noi.

 

Il tracciato è proprio piacevole e rilassante con sulle rive percorsi pedonali e ciclabili molto frequentati, il tutto in mezzo al verde ed alla continua, profumata fioritura delle robinie e dei sambuchi.

 

Vediamo inoltre scorrere davanti ai nostri occhi numerose fattorie, cascine, qualche villa antica, persino un barcone da trasporto in ferro arenato nel suo ormeggio, oltre ad alcuni nuovi approdi approntati per un prossimo previsto turismo nautico.

 

Si arriva infine all’approdo di Cassinetta di Lugagnano, vicino ad Abbiategrasso, e qui, dopo l’ormai consueto giro per il pubblico, veniamo portati a visitare il bel convento dell’Annunziata e la mostra “Nell’età di Bramante e Leonardo tra i Navigli ed il Ticino Rinascimento ritrovato”.

 

Pernottamento, dopo una lunga ricerca, nella ex colonia Enrichetta dell’epoca “quando c’era lui”in camerate da quattro, logicamente maschietti da una parte e feminucce dall’altra perché, mi dimenticavo di dirvi, della presenza tra gli equipaggi di alcune marinaie in veste di giornaliste, pierre e segretarie degli “Amici dei Navigli”.

 

Ci facciamo quindi una foto ricordo di gruppo davanti al capannone in stile”Colonia Penale”.

 

Favolosi infine i falconieri che, con gufi reali, aquile, falchi e civette allietano con una interessante dimostrazione di addestramento la nostra non frugale cena “dal Mago”.

 


Home  

   
 
Assonautica Provinciale Venezia Isola Nuova del Tronchetto, 14 30135 Venezia Telefono: 041786 308/309
Chioggia Sede di Venezia Cavallino-Jesolo-Eraclea Caorle Bibione