Assonautica    
   
Diario di Bordo: 21 aprile – 4 maggio 2007 (di Gianni Darai)  
  11-06-2007
29/04 Porto Catena – Revere – Pontelagoscuro – Ferrara Km. 40

Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine Click per Zoom Immagine

Domenica 29 aprile: Porto Catena – Revere – Pontelagoscuro – Ferrara Km. 40

Da Porto Catena riprendiamo la navigazione e veniamo quasi subito fermati da una barca anonima il cui equipaggio si qualifica come “agenti ecologici” e ci chiede se sapevamo che in zona bisognava procedere a 5 Km/h.

 

Visto il nostro sincero stupore, e l’intervento dei nostri finanzieri, ci lasciano andare, mentre nel vicino lago assistiamo, tra le ninfee, allo spettacolo delle carpe in amore, un ribollire di pinne e schizzi d’acqua (gli agenti ci dicono con almeno un mese di anticipo).

 

A lento moto arriviamo alle conche di Governolo e qui, entrandoci, troviamo i piedi dei nostri fuoribordo letteralmente avvolti da metri e metri di spesso filo di nylon.

 

Ci vediamo costretti ad estrarre pinze e coltelli per liberarci e non danneggiare i paraoli. E nessuno si fa vivo…!?

 

Passata la conca, stessa solfa dell’andata, con la gru sempre posizionata vicino all’imbocco del Po che ci permette di passare la diga di sassi e, evitando altre lenze, qui almeno visibili, spiaggiati sulla riva con i pescatori riusciamo a vedere una decina di siluri dalle dimensioni impressionanti.

 

Seguiamo quindi con la dovuta attenzione i segnali sul fiume che ci consentono di arrivare a Revere dove, nell’attrezzato galleggiante della Canottieri mezzo in secca, troviamo ad attenderci paron Gibellato con il suo staff e un “drifting” motorizzato con un 115 cv. Mercury alimentato anch’esso a GPL .

 

Quindi ciccioli, salame gentile, parmigiano reggiano e lambruschino per tutti. Dopo esserci  rifocillati una cortese rappresentante del WWF ci porta a visitare la vicina isola Boschina, una isola protetta con una lussureggiante vegetazione e la presenza di un pioppo ultrasecolare che, particolare interessante, dagli esami risulta essere un clone americano, probabilmente uno dei primi importati dal nuovo continente.

 

Il centro dell’isola, con la presenza di una antica villa in restauro, risulta rilevato di 19 metri rispetto al letto fluviale. Ripartiti passiamo Occhiobello e dopo S.Maria Maddalena, praticamente di fronte, troviamo l’imponente conca di Pontelagoscuro.

 

Passata quest’ultima entriamo nel canale Boicelli caratterizzato dalla presenza lungo le sue rive da simpatiche casette quasi tutte attrezzate con ormeggi e piccole bilance da pesca. Grande e profumata fioritura di robinie e sambuchi e così arriviamo nel Po di Volano.

 

Rallentiamo per tutta una serie di paperette ed assistiamo ancora una volta alla scena dell’anatra che si finge ferita e che così cerca di allontanare il supposto pericolo dal suo nido e dai suoi piccoli.

 

Dopo poco arriviamo nella darsena di Ferrara dove ad attenderci c’è il solerte Paolo Dal Buono e ritroviamo Maurizio Crovato con la troupe della RAI. Quella svizzera invece non ci ha mai lasciato nonostante le molte difficoltà incontrate.

 

Per il pernottamento ci dividiamo, al gruppo Assonautica tocca in sorte una villa incredibile del XVI° secolo: villa Ferraguti, vicino al Po di Primero, con un parco dove campeggia persino una sequoia gigantesca.

 

Anche Margareth, la padrona di casa che ci ospita è incredibile, con una cura dei particolari unica, persino la colazione del mattino, dalle marmellatine ai dolci, è tutta opera sua.

 


Home  

   
 
Assonautica Provinciale Venezia Isola Nuova del Tronchetto, 14 30135 Venezia Telefono: 041786 308/309
Chioggia Sede di Venezia Cavallino-Jesolo-Eraclea Caorle Bibione